L’Arciconfraternita oggi

A partire dal secondo dopoguerra l’Arciconfraternita di Gesù e Maria, come tante altre confraternite e associazioni laicali nel nostro Paese, andò incontro a una fase di declino che raggiunse il punto più basso negli anni Settanta quando la tela di Santa Caterina da Siena del Camarda fu trafugata da ignoti e mai più ritrovata. L’Arciconfraternita è però in seguito rinata a nuovo vigore grazie all’instancabile impegno di un gruppo di discendenti degli antichi confrati che in poco tempo hanno avviato una fase di attivo rilancio dell’Arciconfraternita. A partire dalla metà degli anni Novanta la chiesa di Gesù e Maria è stata riaperta con regolarità al culto e si è intrapreso un importante programma pluriennale di recupero dei beni mobili e immobili. Questo ha portato al restauro delle strutture esterne e degli edifici retrostanti la chiesa (2005), alla realizzazione della sala espositiva museale dell’Arciconfraternita (2006) e quindi alla riapertura al pubblico di tutti gli spazi del complesso monumentale della chiesa di Gesù e Maria.

Oggi l’Arciconfraternita di Gesù e Maria è retta a norma di Diritto Canonico da un Governo eletto dal Capitolo Generale dei Congregati e si propone di rilanciare lo spirito di profonda e sincera religiosità dei Fondatori, promuovendo opere di culto, evangelizzazione e pietà. L’Arciconfraternita inoltre, nel solco della tradizione iniziata dai Fondatori e in accordo allo Statuto, è  particolarmente impegnata in ambito culturale e promuove lo studio della dottrina della Chiesa e altre attività culturali quali incontri di catechesi, realizzazione di studi storici, organizzazione di convegni, mostre, concerti.

L’Arciconfraternita di Gesù e Maria pubblicherà a partire dalla fine del 2011 un bollettino annuale contenente studi storici e storico-artistici sull’Arciconfraternita di Gesù e Maria, su Monforte e il suo territorio e sulla spiritualità confraternale.


Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: